T*Danse festeggia il suo quarto compleanno.

In questi quattro anni T*Danse è diventato un appuntamento fisso per gli amanti delle arti performative, per chi ha voglia di riempirsi gli occhi ed il cuore di danza, di circo, di teatro, e più in generale, di tutte quelle forme ibride che chiamiamo arte. Non solo. Ogni anno, da quattro anni, T*Danse realizza qualcosa di assolutamente magico. Unisce abitanti e turisti, e ciò va oltre le barriere linguistiche, perché il corpo ne è lo strumento espressivo.

Questa edizione sarà speciale: partiamo con la testa piena di idee e progetti che vogliamo tradurre in realtà, con energia ed entusiasmo, con la voglia di ritrovarci intorno a proposte artistiche che ci fanno vibrare, in un contesto di festa, bellezza e piacere. Un piacere che può anche essere quello di scandalizzarsi: T*Danse sarà un luogo per la programmazione audace, più attenta al nuovo e ai terreni inesplorati.

Cindy Van Acker porterà in anteprima gli assoli della sua prossima creazione Shadowpieces, in alcuni “luoghi segreti” del centro storico, che saranno rivelati solo all'ultimo a chi vorrà partecipare a questo evento esclusivo. Vedremo in prima nazionale l’ultima creazione di Darragh McLoughlin, in cui giocoleria, danza e arte visiva entrano in un cortocircuito raffinatissimo; e Il coreografo Palle Granhøj presenterà nella serata dedicata al “Club degli Host” una prima assoluta.

Questo solo per citare le novità degli artisti “habitués” a T*Danse; sono tantissime le prime, tantissimi gli artisti internazionali di questa edizione, e la sezione Performance Art sarà tutta al femminile, con 4 donne performer a chiusura di ciascuna serata.

Siamo partiti dall'idea di “confine” per immaginare di tra-passare il concetto di frontiera, e portare in questa regione possibili segni per costruire scale, ponti e tunnel capaci di attraversare confini e barriere.

Ecco perché, se la programmazione resta il cuore di T*Danse, vogliamo un festival che sia innanzitutto l'emanazione dei desideri di una comunità, in cui ognuno possa farsi coinvolgere in base alle sue visioni e inclinazioni.

Invaderemo lo spazio urbano, con la follia di Marco Torrice e dei suoi melting-potters, uno degli eventi di Aspettando T*Danse: la sezione speciale per farsi coinvolgere e mettersi in gioco già dalla settimana precedente, che comprende anche l'atteso ritorno del laboratorio Corpo Poetico® e un nuovo progetto in tandem con la SFOM - Scuola di Formazione e Orientamento Musicale a cavallo tra danza, improvvisazione e musica.

Festeggeremo il mondo dell'hip-hop insieme alla sua esuberante comunità aostana con la Battle condotta dalla Compagnie Drive, che ritroveremo nel programma del festival con uno spettacolo che fonde hip-hop, break e danza contemporanea.

Ci ritroveremo a riflettere e a condividere idee e punti di vista con Intorno agli spettacoli, nel ciclo di conferenze dedicato a Ercole Balliana presso la Biblioteca regionale di Aosta e nei feedback aperò con gli artisti in programma.

#comunicadanzaaosta ci racconterà T*Danse con gli occhi (e i post) dei ragazzi del Liceo Artistico di Aosta, che saranno anche braccia e gambe del festival grazie allo straordinario progetto di alternanza scuola/lavoro.

La coreografa tedesca Anna Konjetzky ci porterà la prima del suo lavoro dedicato agli spettatori più giovani nella matinée dedicata alle scuole primarie; e le scuole di danza e di circo del territorio saranno al centro del progetto Maratona delle scuole, in cui gli allievi conosceranno da vicino gli artisti in programma e saranno essi stessi protagonisti di un momento performativo in chiusura di festival.

Senza dimenticare una vera colonna portante del festival: il programma #coinvolgiti e il suo Club degli Host, che sin dalla prima edizione hanno adottato i nostri artisti ospitandoli nelle loro case, e i volontari che vivranno insieme a noi l’esperienza del festival dal dietro le quinte.

Tante novità, tanta arte, tanta convivialità: danza, pensiero, aperitivi e... festa!


Direzione artistica: Marco Chenevier e Francesca Fini 

Organizzazione: TiDA-Théâtre Danse. 

 

Il Festival T*Danse è realizzato con il sostegno della Compagnia di San Paolo (Maggior Sostenitore) nell’ambito del bando Scadenza Unica Performing Arts, della Fondazione CRT nell'ambito del bando Note&Sipari, con il sostegno dell' Assessorato Istruzione e Cultura della Regione Autonoma Valle d'Aosta, del Consiglio regionale della Valle d’Aosta e con il patrocinio del Comune di Aosta.

 

T * Danse celebrates his fourth birthday.

In these four years T * Danse has become an appointment for contemporary art lovers, for those who want to fill their eyes and hearts with dance, circus, theatre and all those hybrid forms that we call art. And not only. Every year, for the last four years, T*Danse has made real something that is totally magic. Locals and tourists come together, beyond language barriers, because the body is its expressive tool.

This will be a special edition: we are starting out, loaded with ideas and projects we want to translate into reality, with energy and enthusiasm, with the powerful desire to gather around vibrant artistic proposals, in a context of feast, beauty and pleasure. Because it is about pleasure, and the pleasure to be astonished, too: T*Danse will be the place for the most daring proposals, focused on the new and unexplored fields.

Cindy Van Acker will bring a preview of the solos from her new creation Shadowpieces, performed in “secret venues” in Aosta’s historic centre, which will be communicated on the day only to those who booked for this exclusive event. Darragh McLoughlin will present his latest creation in which juggling, dance and visual art enter into an extremely sophisticated short circuit; and Danish choreographer Palle Granhøj will present a world premiere on the evening dedicated to the "Hosts Club".

This is just to mention the news from the "regulars" at T*Danse: this edition is bursting with premieres and new artists, and an all-female Performance Art section, with a solo performance closing each one of the four evenings of shows.

Our starting point was the idea of “border”; now we want to move forward, to imagine and go beyond the concept of frontier, bringing signs to our region that can help build stairs, bridges and tunnels to cross borders and overcome boundaries.

That’s why, even though the shows are, as always, the pulsing heart of T*Danse, we want the festival to be first and foremost the result of a community’s dream, a place in which each and every person can get involved according to his or her visions and inclinations.

We will invade the urban space, with the craziness of Marco Torrice and his Melting-potters, one of the events of Waiting for T*Danse: the section in which you can get involved and participate already from the week before the festival, that includes the much awaited return of the workshop Corpo Poetico®, and an all-new project in collaboration with music school SFOM, focused on dance, improvisation and music.

We will celebrate the hip-hop culture with its feisty Aostan community in a battle directed by Cie Drive, that we will find again in the programme with a show combining hip-hop, break and contemporary dance.

We will think and share views and ideas in the section Around the shows, with the cycle of conferences dedicated to Ercole Balliana at the Regional Library, and at the feedback aperòs with the artists.

#comunicadanzaaosta will tell us stories from the eyes (and the posts) of the Art College students, who will also be arms and legs of the festival thanks to the fantastic programme of Work-related learning experience.

German choreographer Anna Konjetzky will present the national premiere of her work for young spectators in the matinee dedicated to primary schools; and dance and circus schools from all over the region will be at the heart of the project Dance schools marathon, in which the students will get to know the artists and get the chance to perform themselves at the end of the festival week.

Last but least, a true cornerstone of the festival: the programme #coinvolgiti and its Hosts Club who, from the very first edition, adopted our artists hosting them in their own homes, and the volunteers who will live the festival experience with us from behind the wings.

Lots of news, lots of art, so much conviviality: aperitifs, dance, thought and ... party!


Artistic direction: Marco Chenevier e Francesca Fini 

Organisation: TiDA-Théâtre Danse. 


T*Danse is supported by Compagnia di San Paolo (Main Funding body) within the project Scadenza Unica Performing Arts; by Fondazione CRT within the project Note&Sipari; by the Assessorato Istruzione e Cultura della Regione Autonoma Valle d'Aosta – Council of Education and culture of the Autonomous Region of the Aosta Valley; by the Consiglio regionale della Valle d'Aosta - Council of the Aosta Valley, with the patronage of the Aosta City Council.

TiDA - Théâtre Danse è stata fondata nel 2005 da Marco Chenevier.
Il progetto artistico si identifica con una visione critica della società, dello spettacolo, dell'estetica convenzionale e della produzione artistica in sé.
La Compagnia, da sempre impegnata nella diffusione della cultura della danza e del teatro contemporanei, si dedica all'organizzazione di eventi che siano occasione di sensibilizzazione alla cultura coreografica contemporanea.


TiDA - Théâtre Danse was founded in 2005 by Marco Chenevier.
The artistic project identifies with a critical vision of the society, entertainment, conventional aesthetics and the artistic production in itself.
The Company, committed to the divulgation of contemporary dance and theatre culture, organizes and manages the artistic direction of festivals and other events, as an opportunity to raise the awareness towards contemporary choreographic culture.